Home Sudcritica Modugno =MODUGNO. GLI EFFETTI DELLO SCIOGLIMENTO FORZATO DEL CONSIGLIO COMUNALE=
=MODUGNO. GLI EFFETTI DELLO SCIOGLIMENTO FORZATO DEL CONSIGLIO COMUNALE= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 13 Ottobre 2014 23:33

architettura

MA Modugno LA VOGLIONO murata viva?


In tutta la Puglia si è votato per eleggere i consigli provinciali

e a Bari , dove la Città Metropolitana sostituisce la Provincia, per la composizione del Consiglio Metropolitano.

A Modugno? Niente.

di  Nicola Sacco

 

 

 

 

LE OSSERVAZIONI CRITICHE E LE PROPOSTE

del Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione. IL RISCHIO DEL CAOS

di Giovanna Longo Crispo

di  Nicola Sacco

______________

 

In tutta la Puglia si è votato per eleggere i consigli provinciali e a Bari , dove la Città Metropolitana sostituisce la Provincia, per la composizione del Consiglio Metropolitano.

A Modugno? Niente.

 

Una desolante domenica in cui non c’era nessuno da eleggere, nessuno a votare. A causa della violenta sottrazione dell’elementare diritto di una comunità di partecipare alla vita democratica del Paese. Una rapina silenziosa che immiserisce la città, lasciandola ancora una volta sguarnita di rappresentanza nei consessi istituzionali che pure decidono delle sue sorti.

Per i ladri di democrazia è sufficiente, a Modugno, far valere la legge non scritta dell’interesse privato mentre beffardamente professano il loro amore per la città.

La Costituzione, “solo” violata dai riformisti nazionali, stracciata invece dai ras locali.

Da quando si svolgono libere elezioni, per la prima volta la città di Modugno è stata privata del diritto di voto in occasione di una tornata elettorale. Un diritto incomprimibile eppure confiscato, in uno scandalo che non ha ancora trovato la sua giusta risonanza, dalla longa manus che ha provocato lo scioglimento del Consiglio Comunale lo scorso 22 agosto.

Mentre gli organi rappresentativi provinciali si rinnovano in tutta Italia, nella importante città (nota repubblica indipendente) alle porte del capoluogo di Regione, unica preoccupazione dei califfi parapolitici locali è il reclutamento di faccendieri e zerbini per caravanserragli che dovranno tentare, la prossima primavera, di chiudere per sempre la stagione della legalità inaugurata il 14 giugno 2013 con l’elezione del Sindaco Magrone e interrotta traumaticamente con il colpo di mano dei tredici consiglieri comunali in esecuzione di ordini impartiti da un potentato che mal sopportava il calo del proprio giro d’affari. E infatti, quella che si rinnova a Modugno è solo l’unità del partito degli affari in vista della fine della gestione commissariale.

Si è consumata domenica 12 ottobre, in occasione della elezione del Consiglio Metropolitano di Bari, la secessione in salsa modugnese: il commissariato Comune di Modugno non ha potuto concorrere all’elezione dell’organo politico del nuovo ente locale Città Metropolitana, introdotto con le intorcigliate e caotiche modifiche al titolo V della Costituzione volute dal centrosinistra nel 2001 (tutta la materia è oggi disciplinata dalla legge n. 56/2014, anche nota come “legge Del Rio”). Come previsto dalla legge, si sono svolte domenica 12 ottobre le elezioni di secondo grado nelle quali consiglieri e sindaci in carica dei comuni ricadenti nel territorio provinciale avevano funzioni di elettorato attivo e passivo. Si sono così eletti i diciotto componenti del Consiglio Metropolitano. Il Comune di Modugno, da oggi e per i prossimi cinque anni, resta escluso dall’avere una rappresentanza nella Città Metropolitana, ridotto al mutismo e impossibilitato a far valere interessi e diritti della propria comunità in una sede sovra comunale, nella quale altri prenderanno decisioni che Modugno potrà solo subire.

Elezioni di secondo livello significa, sostanzialmente, elezioni tra eletti, cioè gestite dai partiti (pd-udc-ncd-fi) finalizzate ad aumentare il potere dei partiti (pd-udc-ncd-fi). Tuttavia neanche questa clamorosa torsione del principio costituzionale della sovranità popolare è bastata ad allettare i circoli modugnesi di quei partiti (laddove esistano). C’era fretta di sciogliere il Consiglio Comunale perché la legalità (urbanistica in primis) praticata dall’amministrazione Magrone stava polverizzando il legame tra le storiche centrali del potere modugnese e le loro clientele. Se tutto questo ha comportato la soppressione dei diritti di partecipazione e di voto, pazienza, basta stendere una cortina di silenzio sulla questione, oppure coprirla coi rumors dei mercanteggiamenti delle prossime elezioni comunali, quelle dove le segreterie di partito si sentono nel loro elemento, quelle dove i padroni si sentono più padroni. A conferma di una concezione proprietaria della città che sta determinando l’isolamento ottuso e dannoso della stessa rispetto al suo naturale contesto geografico-istituzionale.

Oggi, però, si vedono all’opera certi insopportabili ribaltamenti semantici, concettuali e morali. E occorre denunciarli stabilendo, una volta per tutte, che a infangare la città sono loro, gli stessi che mentre la danneggiano dichiarano di esserne gli amanti.

.

 

Città Metropolitana: osservazioni critiche e proposte

 

del Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione. Il rischio del caos

 

di Giovanna Longo Crispo

 

___________________

 

Allo scopo di giungere a proposte condivise sui contenuti dello Statuto e sul primo Piano Strategico triennale del costituendo Ente locale è sicuramente opportuno richiamare le disposizioni di Legge sull’argomento:

 

In base al comma 85 della Legge 7 aprile 2014, n. 56 in vigore dal 8/4/2014

 


"Le province di cui ai commi da 51 al 53, quali enti con funzioni di area vasta, esercitano le seguenti funzioni fondamentali: 

 

  1. pianificazione territoriale provinciale di coordinamento, nonche' tutela e valorizzazione dell'ambiente, per gli aspetti di competenza;
  2. pianificazione dei servizi di trasporto in ambito provinciale, autorizzazione e controllo in materia di trasporto privato, in coerenza con la programmazione regionale, nonche' costruzione e gestione delle strade provinciali e regolazione della circolazione stradale ad esse inerente;
  3. programmazione provinciale della rete scolastica, nel rispetto della programmazione regionale;
  4. raccolta ed elaborazione di dati, assistenza tecnico-amministrativa agli enti locali;
  5. gestione dell'edilizia scolastica;
  6. controllo dei fenomeni discriminatori in ambito occupazionale e promozione delle pari opportunita' sul territorio provinciale".

 

Alla citta' metropolitana sono attribuite funzioni sue proprie e quelle fondamentali delle province (comma 44):

 

  • adozione e aggiornamento annuale di un piano strategico triennale del territorio metropolitano, che costituisce atto di indirizzo per l'ente e per l'esercizio delle funzioni dei comuni e delle unioni di comuni compresi nel predetto territorio, anche in relazione all'esercizio di funzioni delegate o assegnate dalle regioni, nel rispetto delle leggi delle regioni nelle materie di loro competenza;
  • pianificazione territoriale generale, ivi comprese le strutture di comunicazione, le reti di servizi e delle infrastrutture appartenenti alla competenza della comunita' metropolitana, anche fissando vincoli e obiettivi all'attivita' e all'esercizio delle funzioni dei comuni compresi nel territorio metropolitano;
  • strutturazione di sistemi coordinati di gestione dei servizi pubblici, organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito metropolitano. D'intesa con i comuni interessati la citta' metropolitana puo' esercitare le funzioni di predisposizione dei documenti di gara, di stazione appaltante, di monitoraggio dei contratti di servizio e di organizzazione di concorsi e procedure selettive;
  • mobilita' e viabilita', anche assicurando la compatibilita' e la coerenza della pianificazione urbanistica comunale nell'ambito metropolitano;
  • promozione e coordinamento dello sviluppo economico e sociale, anche assicurando sostegno e supporto alle attivita' economiche e di ricerca innovative e coerenti con la vocazione della citta' metropolitana come delineata nel piano strategico del territorio di cui alla lettera a);
  • promozione e coordinamento dei sistemi di informatizzazione e di digitalizzazione in ambito metropolitano.

 

Lo Stato e le regioni, ciascuno per le proprie competenze, possono attribuire ulteriori funzioni alle citta' metropolitane in attuazione dei principi di sussidiarieta', differenziazione e adeguatezza di cui al primo comma dell'articolo 118 della Costituzione. (comma 46).

 

Appare, pertanto, evidente che alcuni servizi, attualmente resi dall’Ente Provincia di Bari, potrebbero essere non più erogati dopo il 31/12/2014, ci riferiamo in particolare ai seguenti:

 

Servizio Politiche Sociali ed Istituto per videolesi “Messeni Localzo” in Rutigliano

 

Organico: n. 2 assistenti sociali, n. 1 terapista riabilitazione, n. 1 ortottista, n. 1 educatore e n. 14 impiegati amministrativi.

 

Ha competenza in materia di:

 

  • programmazione, gestione, promozione e coordinamento delle politiche sociali;
  • rapporti e attività con centri e istituti per disagiati;
  • interventi di assistenza scolastica integrativa ai disabili negli istituti di istruzione secondaria superiore;
  • interventi socio-assistenziali a favore dei minori riconosciuti da un solo genitore;
  • politiche per la famiglia;
  • immigrazione;
  • emigrazione;
  • interventi sociali e volontariato;
  • monitoraggio dei servizi socio-assitenziali;
  • politiche di integrazione e di sicurezza sociale;
  • cooperazione internazionale;
  • servizi ai disabili sensoriali, audiolesi, non vedenti e ipovedenti;
  • redazione su bandi regionali, nazionali ed europei, di progetti sulle politiche giovanili, anche in partenariato;
  • predisposizione degli atti amministrativi, il conseguente monitoraggio dei progetti e la relativa rendicontazione;
  • coordinamento, l'assistenza tecnica e il monitoraggio delle diverse azioni e dei progetti presentati su accordi di programma quadro - APQ - dai Comuni e dalle associazioni;
  • coordinamento delle attività previste dalla normativa vigente con specifico riferimento al Tavolo sulla violenza di genere;
  • gestione dei rapporti con enti del territorio in tema di violenza di genere;
  • predisposizione, anche come capofila, delle procedure necessarie per partecipare a bandi nazionali o regionali;
  • adesione a progetti di politica di genere;
  • gestione, monitoraggio e rendicontazione dei progetti.

 

Servizio Agricoltura, Caccia, Pesca e Laboratorio di Biotecnologie Marine

 

Organico: n. 3 tecnici agricoli, n. 1 capo tecnico faunista, n. 2 tecnici lab. biol. marina e n. 12 impiegati amministrativi

 

Ha competenza in materia di:

 

  • gestione della pineta di “Monte Cucco” (Grumo Appula);
  • gestione di una collezione varietale di ciliegio dolce (Conversano);
  • promozione e realizzazione di interventi nel settore agrituristico;
  • programmazione per la gestione faunistico - venatoria e relativi controlli;
  • funzioni amministrative in materia di caccia, pesca e protezione della fauna e attività di gestione degli ambiti territoriali di caccia;
  • esami di abilitazione all'esercizio venatorio;
  • attività di laboratorio (analisi, studi e ricerche).

 

Servizio Pinacoteca, Patrimonio artistico e Pubblica istruzione

 

Organico: n. 1 ispettore pinacoteca, n. 2 assistenti storici dell’arte, n. 1 capo cantoniere e n. 8 impiegati amministrativi.

 

Ha competenza in materia di:

 

  • cura e gestisce la pinacoteca provinciale;
  • cura il funzionamento degli istituti secondari superiori, in ordine alle strutture edilizie;
  • cura la distribuzione dell'offerta formativa sul territorio;
  • cura i rapporti con gli enti scolastici territoriali e con la Regione per le politiche di organizzazione e di sviluppo della rete scolastica;
  • cura la promozione di iniziative volte al sostegno e allo sviluppo delle autonomie scolastiche, contemperando le potenzialità con le esigenze provenienti dal territorio;
  • cura i rapporti tra scuola, università, Enti di ricerca e imprese;
  • predispone il piano di organizzazione e attuazione della rete delle istituzioni scolastiche;
  • cura e gestisce il patrimonio artistico.

 

Servizio Polizia Provinciale e Protezione Civile

 

Organico: n. 32 agenti ed ufficiali di Polizia Giudiziaria e n. 12 impiegati amministrativi

 

Ha competenza in materia di:

 

  • Abbandono, scarico, deposito di rifiuti tossico, nocivi;
  • Discariche abusive di rifiuti;
  • Gestione non autorizzata di impianti di eliminazione di rifiuti speciali;
  • Scarico di oli usati in acqua o su suolo;
  • Scarichi di acque senza autorizzazione;
  • Scarichi non autorizzati di sostanze pericolose sul suolo, nei corsi d’acqua, in aperta campagna, lungo le strade;
  • Esercizio dell’attività di caccia in luoghi e/o in periodi non consentiti o nei confronti di fauna protetta;
  • Esercizio dell’attività di pesca con attrezzi non consentiti e/o in luoghi o periodi di divieto generale.
  • Rischio idrogeologico: Rischio di perdite di vite umane, di feriti, di danni a proprietà, di distruzione di attività economiche o di risorse naturali dovuti ad un evento meteorologico.
  • Rischio incendi: Incendi naturali e incendi di origine umana colposi (o involontari) e dolosi (volontari).
  • Rischio ambientale: Rischio legato alla produzione, alla gestione e alla distribuzione di beni, servizi o prodotti di processi industriali (agricoltura e industria), che possono costituire un pericolo alla salute della popolazione.
  • Rischio industriale: si intende la possibilità che in seguito a un incidente in un insediamento industriale si possano causare danni alla popolazione o all’ambiente.

 

E’ chiaro che spetta ai nuovi amministratori, nei limiti imposti dalla Legge e di concerto con la Regione ed i Ministeri competenti, stabilire quali Servizi possano continuare essere erogati dal nuovo Ente.

 

In ogni caso, è necessario evitare che la cessazione improvvisa dei suddetti servizi pubblici possa nuocere ai cittadini, alle imprese o al pubblico demanio ed è del tutto ovvio che solo la capacità di surrogare quanto attualmente reso dalla Provincia di Bari, da parte di altri Enti, può evitare un vero e proprio caos.

 

A tal proposito, occorre sottolineare che i Comuni dell’Area Metropolitana sono in numero di 41 e che, attualmente, nessun Servizio provinciale dispone di un pari numero di personale qualificato, rappresentato, in definitiva, da: 2 assistenti sociali, 1 terapista riabilitazione, 1 ortottista, 1 educatore,3 tecnici agricoli, 1 capo tecnico faunista, 2 tecnici lab. biol. Marina, 1 ispettore pinacoteca, 2 assistenti storici dell’arte, 1 capo cantoniere e 32 tra agenti ed ufficiali di Polizia Giudiziaria, sicché è impensabile erogare gli stessi servizi, con le stesse risorse umane, a livello comunale.

 

Spiace dover aggiungere che a complicare la soluzione della problematica contribuirà, sicuramente, lo storico ostracismo della Regione Puglia verso ogni tipo di mobilità del personale, sia in ingresso che in uscita, come dimostrato, da ultimo, con il clamoroso “flop” della Legge regionale 13 dicembre 2013, n. 42, recante “Disciplina dell’agriturismo”, con la quale ha tentato di delegare ai Comuni le funzioni istruttorie in materia, senza fornire le necessarie risorse.

 

Tanto premesso, è chiaro che, secondo la Legge 56/14, la Città Metropolitana deve avere un ruolo importante nell’ambito dello sviluppo economico e sociale e di questo si dovrà tener conto per un Piano Strategico Triennale del Territorio, anche se dedicato prevalentemente alle emergenze presenti nell’area.

 

Per quanto concerne il territorio di Modugno e di quei Comuni che si trovano a ridosso del capoluogo, dove gli espropri operati tramite il Consorzio ASI e le lottizzazioni succedutesi negli anni, hanno generato aziende agricole polverizzate, si ritiene indispensabile mantenere e rafforzare un servizio di controllo del territorio.

 

Infatti, il fenomeno della “polverizzazione” ha ulteriormente ridotto il reddito agricolo nella zona in esame, per l’impossibilità di conseguire economie di scala, sicché in sinergia con la riduzione dei prezzi dei prodotti, indotta dalla globalizzazione dei mercati, esso induce all’abbandono delle terre o, nella migliore delle ipotesi, a rinunciare a servizi di vigilanza privata.

 

In conclusione, le maggiori difficoltà prevedibili nelle aree limitrofe alle grandi città sono legate all’ABBANDONO DEI RIFIUTI, in quanto la situazione non potrà che peggiorare con l’avvio della improrogabile “raccolta porta a porta”, i cui costi, legati all’indifferenziato conferito, indurranno i cittadini a smaltire nelle campagne più vicine tutto quanto non sia riciclabile.

 

.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 16 Ottobre 2014 13:22
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sudcritica Flash

==MARIO MARANGI, PER L'EXTRAVERGINE DI PUGLIA 'CREARE RETE' TRA I PRODUTTORI=Le ‪‎difficoltà‬ ma anche le grandi ‪opportunità‬ dei ‪‎produttori‬ ‪‎oleari‬ che puntano all'‪‎innovazione‬ e alla ‪‎qualità‬, in ‪Puglia‬ come a Modugno‬.
‪‎Investire‬ nell'‪olivicoltura‬ significa anche ‪valorizzare‬ il ‪territorio‬ e il tessuto‬ ‪sociale‬.
Ecco le ‪sfide‬ che affrontiamo noi ‪giovani‬ ‪‎imprenditori‬ ‎agricoli‬.
[v.in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=IL COMUNE DI MODUGNO ABBATTE IL 'MURO'. LO ACQUISTO' COME OPERA D'ARTE, LO DISTRUGGE COME BAGNO FATISCENTE=
di Francesca Di Ciaula.Il 2 febbraio scorso, in piazza Romita Vescovo, un tempo adibita a mercato del pesce, sono iniziati i lavori di demolizione della parete adiacente ai bagni pubblici.
La motivazione è presto detta: sicurezza e salvaguardia della pubblica incolumità, fatiscenza delle strutture. Il tutto per una spesa di 35 000,00 €.
La parete ricoperta di marmo nero, fu costruita a ridosso della chiesa seicentesca delle Monacelle in pieno centro storico, per nascondere un bagno pubblico, alla vista di chi sostava nella piazzetta. Una visione dai contrasti indicibili. Un monolite scuro e dietro la parete chiara dell'antica chiesetta. L'antico e il nuovo, maldestro tentativo di dare dignità al piastrellato che ha invaso il paese, eppure opera pubblica. La modernità imposta per capriccio o arbitrio, il marmo contro la pietra povera antica. Oggi ulteriore denaro pubblico è stato impiegato per distruggere quel manufatto a nessuno mai piaciuto per la sua manifesta volgarità.

[v.leggi tutto in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=ITALIA GIUSTA, IL COMUNE DI MODUGNO BLOCCHI LO 'SFRATTO' DELL’ISTITUTO DEL NASTRO AZZURRO=
di Tina Luciano.

Il movimento Italia Giusta secondo la Costituzione sollecita il Commissario prefettizio a Modugno perché blocchi lo ‘sfratto’ dell’Istituto Nastro Azzurro fino a quando sarà pronta la nuova sede ad esso destinata, in locali comunali che oggi ospitano i Servizi sociali.Il Museo e le Associazioni combattentistiche raccolte nell’Istituto custodiscono oggi le poche tracce esistenti di una memoria collettiva di Modugno, perse le quali va definitivamente in frantumi l’identità dell’intera città.
Un luogo della memoria va protetto e tutelato: insistere nel volerlo ‘sfrattare’ ha il sapore iconoclasta della provocazione, del voler far apparire come insensibile al bene pubblico una pubblica amministrazione che deve invece avere a cuore unicamente le esigenze sociali.

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CONSUMO DI SUOLO E COMUNITA' SENZA IDENTITA'. INCONTRO CON GIUSEPPE MILANO=
Il 23 gennaio 2015. Sono intervenuti Pasquale De Santis e Nicola Magrone."Contro il mostruoso consumo di suolo in tutta Italia, serve una mobilitazione dei cittadini, una coscientizzazione che ci faccia capire che la cementificazione costante ha un forte impatto sociale, significa alienazione, perdita di coesione della comunità, significa che non esiste più un'identità delle nostre città. Sentiamo spesso dire che si vuole 'costruire il futuro': ma lo si dice a vuoto, mentre si perpetuano questi atteggiamenti di noncuranza e di malapolitica. Costruire il futuro significa cominciare a far le cose per bene ogni giorno nelle nostre città. Quel che è successo a Modugno lo sapete voi, non ho titolo per parlarne ma parlano i fatti. Basta col dire che edilizia e urbanistica vanno visti come motore dello sviluppo, se poi sappiamo che servono per creare solo lo sviluppo di pochi... basta!"

Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=SOVRANITA' NAZIONALE
MONETARIA
E DEBITO PUBBLICO=

Serafino Pulcini/
Mino Magrone

Monete-antiche-riportate-alla-luce-in-uno-scavo-archeologico


_________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON GIUSEPPE DI CIAULA=
Il 9 gennaio 2015. Coordinamento, formazione, esercitazioni, sicurezza sono i cardini di una buona protezione civile.Fondamentale un piano dettagliato di intervento, con volontari professionali i quali - quando dovessero verificarsi emergenze - sanno che fare ma non usurpano i compiti dei professionisti. Partecipano il presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, Pasquale De Santis, e Francesca Di Ciaula, della segreteria del movimento.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON WILLIAM FORMICOLA=
Il 12 dicembre 2014, su ''Stato di salute del territorio italiano e ruolo della protezione civile''.Al centro dell'intervento, le azioni che gli amministratori devono compiere per prevenire, e per intervenire nel verificarsi di emergenze; gli effetti della mano dell'uomo sull'aggravamento dei rischi, i pericoli legati al consumo del territorio e al costruire senza regole. E' intervenuto il presidente di Italia Giusta, Pasquale De Santis.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[in Sudcritica Modugno]

=POLITICA E CONSENSO=

=LA POLITICA
DELLE LOCUSTE=

locuste-madagascar


se si vuole tentare
un recupero
delle regole
che tutelino tutti,

bisognerà scontentare
i gruppetti di interesse
che si concentrano come locuste
intorno al patrimonio pubblico

di  Tina Luciano
__________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CULTURA, SCUOLA E
TERRITORIO E LA 'NUOVA'
FIERA DEL CROCIFISSO
A MODUGNO=

seminario IG di ciaula longo lobaccaro

Per i Seminari di Italia Giusta
secondo la Costituzione,
incontro - il 21 novembre 2014 -
col musicista dei Radiodervish
Michele Lobaccaro
e con Francesca Di Ciaula
e Valentina Longo.
Su politiche culturali a
Modugno, sul successo
della 'nuova' Fiera
del
Crocifisso inaugurata
con l'amministrazione
Magrone
e sull'importanza
delle relazioni
tra scuola e territorio.

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=ECONOMIA E UE.
CI VORREBBE KEYNES
MA E' TROPPO
DI SINISTRA=

keynes-main-photo


Ilquadro
macroeconomico

dell’Europa
dovrebbe suggerire
la ripresa di politiche economiche
poggiate sulle argomentazioni
della cosiddetta sintesi postkeynesiana.
Invece, ciò è ancora molto lontano
dall’essere preso in considerazione
dalle istituzioni europee

di  Mino Magrone

____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=LE SCELTE FISCALI DELLA GIUNTA MAGRONE PER PROTEGGERE I CETI MENO ABBIENTI=
Incontro con Dino Banchino.

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore al Bilancio dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Banchino ha parlato delle scelte fiscali fatte dalla giunta, tutte improntate all'art.53 della Costituzione italiana, per il quale il sistema tributario nel nostro Paese "è informato a criteri di progressività”.
Per questo, per il 2014 a Modugno non si è pagata la TASI, preferendo scaricare il peso maggiore della contribuzione dei cittadini sull'Irpef. Sono intervenuti Pasquale De Santis, presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, e Nicola Magrone.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA GIUNTA MAGRONE E L'AIUTO AI PIU' DEBOLI=
Incontro con Rosa Scardigno

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore ai servizi sociali dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Al centro dell'intervento dell'assessore, gli sforzi per ricostituire servizi disastrati (Ufficio di Piano, in primis), le necessità cui assolvere senza arbitrio, la descrizione di un lavoro interrotto a poco più di un anno dall'insediamento, quando avrebbe potuto dare aiuti più congrui.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
CON ITALIA GIUSTA
PER ROMPERE
L'AGGLOMERATO
DI POTERE=

logo italia giusta internet


Da queste parti
smuovere la stagnazione
di poteri è stato
un azzardo
ed una scelta
 coraggiosa.
E tuttavia la dimostrazione
che un movimento possa spezzare

un meccanismo consolidato
c'è stata.
[...] Che si possano tentare
scelte politiche limpide e nette,
l'esperienza amministrativa
modugnese ce lo insegna

di  Francesca Di Ciaula
____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA NUOVA FIERA DEL CROCIFISSO=
Incontro con Tina Luciano -
"Queste sono le ragioni e le modalità della nuova configurazione della Fiera del Crocifisso......da un lato riannodare i fili con il centro della città, dall’altro garantire la sicurezza in un sito che, oltre ad essere isolato non garantiva nemmeno l’incolumità dei visitatori".

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=I LUOGHI=

=BORGO TACCONE.
STORIA PICCOLA
DEL SUD=

taccone7


Borgo Taccone
è questo luogo
dell'assenza,
una storia mancata
di insediamenti rurali.
Eppure non riesci
ad individuare la parola fine
a questa storia.
Il borgo intero sembra piuttosto
un racconto interrotto.

di  Francesca Di Ciaula
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=IL MATTONE DI CALVINO.
60 ANNI DOPO=

Credits-LaPresse h partb


“Un sovrapporsi
geometrico di parallelepipedi
e poliedri, spigoli e lati di case,
di qua e di là, tetti, finestre,
muri ciechi per servitù contigue
con solo i finestrini smerigliati
dei gabinetti uno sopra l’altro”.

di  Nicola Sacco
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=CRISI. PER SALVARE
L'EUROPA BASTEREBBE
SVEGLIARE IL GIGANTE=

images


Una modesta
frazione

di questo gigante finanziario
narcotizzato e costretto
a stare improduttivo può,
purché l’Europa e la Germania
lo vogliano, finanziare opere
e interventi comuni di sviluppo
e crescita dell’occupazione
di lavoratori in Italia ed in Europa

di  Mino Magrone
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
LA DIGNITA' POSSIBILE=

francesca4


Questo, il sindaco
di Modugno,
Nicola Magrone,
ha insegnato nel primo anno
di amministrazione a chi
ha voluto comprendere:
a essere chiari,
a pronunciare il nome delle cose
senza timore, pubblicamente,
non in cenacoli all’ombra
di qualche interesse
che non fosse quello
di tutti i cittadini.

di  Francesca Di Ciaula

____________________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=TAMARO, IL GRANDE NEMICO
E' IL NIENTE. O LO E'
PIUTTOSTO IL NICHILISMO?=

rotoletti010


L'angoscia e il disagio
non sono soltanto
sentimenti dei giovani,
sono invece
di noi tutti
in quanto mortali
destinati a finire,
al niente

di  Mino Magrone

_______________

[Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=GUASTO A PASSAGGIO A LIVELLO MODUGNO. IL SINDACO, SITUAZIONE ASSURDA CHE SI RIPETE= 5 aprile 2014 - Dice Nicola Magrone: "Prendero' le opportune iniziative per l'attuazione puntuale di intese precise sui compiti i di Fal e Rete Ferroviaria Italiana. Quello che serve e' scongiurare ulteriori situazioni di grave pericolo".[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=“La grande bellezza”?=

la grande bellezza


Finché continua
l’umana avventura
in questa valle,
ci sarà scienza, arte,
religione
e l’apocalisse del pensiero
lasciamola ai meno dotati.
Non ci riguarda.

di  Pippo De Liso

_______________

[Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=JOBS ACT, LAVORO

SENZA DIRITTI

E SENZA DIFESE=

CGIL crisi

 
l’Europa solidifica
interessi preminenti
anche sottraendo
ai Paesi
a sovranità nazionale
le tradizioni politiche
e i documenti storici d’identità.
L’Italia è in prima fila con la cessione
della Costituzione e la fiammata
di follia collettiva del cambiamento
a tutti i costi, soprattutto in peggio

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=Per far ripartire l'Italia

non serve stravolgere

la Costituzione=

costituzione

Proposta, da parte di un attivista

di Italia Giusta, di una piccola

guida pratica, aperta a suggerimenti,

per orientarsi tra i temi

di stretta attualità politica

di  Nicola Sacco

_______________

[ Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=RACCOLTA DIFFERENZIATA A MODUGNO, SUDCRITICA INTERVISTA L'ASSESSORE = 17 marzo 2014 - Puoi seguire l'intervista anche alla pagina di Sudcritica Modugno.Tra breve, finalmente, anche a Modugno (e per l'intero Aro del quale Modugno è capofila) ci sarà un bando di gara per una vera raccolta differenziata. Con l'aiuto e la collaborazione di tutti i cittadini dovrà portare al traguardo 'rifiuti zero'. L'assessore comunale Tina Luciano spiega a Sudcritica come accadrà.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: italiagiusta@libero.it
sudcritica@libero.it
rivista: www.sudcritica.it

=DISCUSSIONI=

Larroganza

della Rai

In nessun altro

Paese europeo

si assiste al pagamento

di un canone obbligatorio

a fronte di una pubblicità

invadente e accentratrice

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Il documento

alternativo

"Il sindacato

è un'altra cosa"

per il XVII Congresso

della Cgil

 

di  Pippo De Liso

__________________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Una sinistra

nata piccolo-borghese

 

di  Franco Schettini

__________________

a mio avviso il nostro “marxismo” altro non è stato che riformismo piccolo borghese, nemmeno socialdemocratico

Il 15 giugno del 1975 Pasolini scriveva, dopo le effimere vittorie delle sinistre, che “l’Italia è nel suo insieme ormai un Paese spoliticizzato, un corpo morto i cui riflessi non sono che meccanici. L’Italia cioè non sta vivendo altro che un processo di adattamento alla propria degradazione”.

[ Leggi tutto]

Contro la violenza sulle donne

MAGRONE, PALMINA E LE SUE PAROLE HANNO CAMBIATO LA MIA VITA
Casacalenda, 16 novembre 2013 - intervista di Maurizio Cavaliere. Magrone ricorda il giorno in cui palmina martinelli gli parlò in punto di morte, rivelandogli i nomi dei suoi aguzzini. La 14enne di fasano morì data alle fiamme nel novembre 1981, si era rifiutata di prostituirsi.

=LA VIOLENZA ESIBITA=

di Francesca Di Ciaula

____________________

violenza2 [ Leggi tutto]  

DON TONINO BELLO - LA COSCIENZA E IL POTERE

IL POTERE, LA LEGGE, LA COSCIENZA
Don Tonino Bello ricordato dal sindaco di Modugno, Nicola Magrone, a Mola di Bari, il 16 ottobre 2013, con l'assessore regionale Guglielmo Minervini e don Gianni De Robertis.La speranza nel patto tra deboli, se non per rovesciare il potere almeno per attenuarne l'abuso. Tornare alle origini di don Tonino Bello è tornare alle origini del nostro popolo, cioè la Costituzione. Secondo il sindaco di Modugno, oggi la costituzione non deve essere modificata.

cronache dall'interno

=IL SINDACO DI MODUGNO NICOLA MAGRONE E LA SUA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI=
26 settembre 2013 - Filmato integrale dell'incontroPer la prima volta nella vita amministrativa di Modugno, l’amministrazione parla con i cittadini in un incontro pubblico.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: italiagiusta@libero.it
sudcritica@libero.it
rivista: www.sudcritica.it

Newsletter

Grazie per esserti iscritto alla newsletter di Sudcritica. Stay tuned :)
Banner

Contattaci

Da (email)
Oggetto
Inserire questo testoerqrvqyj
 No SPAM